Stanchezza e cambio di stagione

40506999   businessman sleeping near monitor of computer on gray background
Pubblicato da: Pietro Vaccaro Categoria: stanchezza tag: , , , Commenti: 0 Data di pubblicazione: 24/03/2018

VIVELSINA RECUPERO 20cp

La stanchezza o spossatezza è una manifestazione dell’organismo che , se non di origine patologica, si manifesta con chiari segni di scarsa energia e motivazione mentale.

E’ necessario prima di tutto verificare eventuali implicazioni patologiche rivolgendosi al medico.

Valutata la causa non patologica del problema è corretto analizzare il proprio stile di vita e verificare se l’insorgenza può essere dovuta a fattori specifici come:

  • riduzione del numero di ore di sonno
  • postumi di uno stato influenzale o debilitativo (sindromi gastrointestinali)
  • stress psicologici
  • sovrappeso o eccessiva perdita ponderale
  • disordini alimentari

E’ probabile che tali fattori stiano influendo, magari sinergicamente, sul problema della stanchezza medesima.

Migliorare il proprio stile di vita (riposo), svolgere attività fisica “dolce” come una camminata, condurre un’alimentazione equilibrata e soprattutto evitare fumo e alcool spesso garantiscono un rapido miglioramento della sintomatologia.

La natura offre innumerevoli soluzioni per favorire un rapido recupero e dunque “ricaricare le batterie” in tempi rapidi con efficienza.

  • Fondamentale riequilibrare l’intestino, l’energia parte anche da lui,. L’utilizio di probiotici è fimportante per ripartire più forti di prima.
  • Le vitamine del gruppo B :utili a rinforzare il sistema immunitario (B12) e a garantire una migliore assimilazione di nutrienti importanti come il Ferro.
  • Ginseng: pianta adattogena dalle funzionalità energetiche riconosciute da centinaia di anni.
  • Il magnesio : un valido supporto alla riduzione del senso di stanchezza.

Come disse un famoso cantante americano : “sono stanco di essere stanco!”

Una vita consapevolmente sana e una corretta integrazione alimentare all’occorrenza ci garantiscono una sicura riduzione delle ricadute in questa limitante sintomatologia.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *